Celebriamo il Sacro Samhain

Per prima cosa, ricordatevi sempre che prima di qualsiasi rituale è doveroso cominciare con la commemorazione dei nostri defunti:

null

La vigilia di Samhain al tramonto, dovrete spegnere tutte le luci di casa e mettervi in piedi davanti ad una candela nera o comunque di colore scuro.

Il vecchio anno sta passando a miglior vita e con esso dovrete ricordarvi di tutti i momenti vissuti sia belli che brutti. Dovrete rivolgere il pensiero alle persone care che non ci sono più dedicando loro una piccola preghiera o un pensiero in modo da aiutarli nel loro cammino nel mondo ultraterreno. Quando vi sentirete carichi di energia e positivi, allora potrete accendere la candela nera e dire :

Accolgo con questa luce gli spiriti di coloro che se ne sono andati prima di me. Siate i benvenuti!.

Di seguito dovrete ancora dire, mentre prenderete fra le vostre mani la coppa, o un bicchiere che contenga del vino o del succo di frutta ( x gli astemi) le seguenti parole :

Ai morti! ( dovrete bere il contenuto del bicchiere o della coppa avendo cura di lasciare al suo interno qualche goccia della bevanda che avete scelto)

Accendere di seguito una candela speciale che avrete scelto precedentemente per ciascuno degli amici o parenti defunti (tra l’altro possono essere candele di colore bianco, colorate, con forme particolari), e per accendere la candela dovrete ricordarvi di utilizzare la candela scura, e con la stessa accenderete anche le lanterne-zucche di Halloween.

Prendere adesso un piatto o un vassoio in cui si metterà del pane o tipici dolci della vostra zona da offrire ai defunti, lasciarne sempre qualche porzione da tenere nel vassoio per tutta la notte.

Prendendo la candela scura, dovrete andare in tutte le stanze e accendere tutte le luci, magari solo per pochi minuti.

null

Se avete animali in casa domestici o bestiame, beh questa è la loro notte. Date loro da mangiare prima che ai membri della vostra famiglia e lasciate fuori anche del cibo per le bestie selvatiche che possono capitare per di là.

Se uno dei vostri animali domestici vi ha lasciato nel corso dell’anno appena passato, potreste mettere una sua foto o un ricordo sul tavolo durante il rito.

Preparate per la vostra famiglia un buon piatto.Assicuratevi anche di avere del buon pane possibilmente fatto in casa, poi ogni membro della famiglia prenda una ciotola e un cucchiaio per mangiare. Dovrete dire:

Samhain è giunto, è la fine del Raccolto.
I raccolti sono stati prelevati dai campi,
e gli animali si preparano per l’inverno che incombe.
Questa notte onoriamo gli animali nella nostra vita.
Alcuni sono morti perché noi potessimo mangiare.
Alcuni ci hanno dato amore.
Alcuni ci hanno protetto da quello che voleva farci del male.
Questa notte li ringraziamo tutti.

Ogni persona dovrà prendere una mestolata di stufato e metterla nella scodella. Mano a mano che ognuno si serve, dovrà dire:

Benedetti sono gli animali,
quelli che muoiono perché possiamo mangiare.
Benedetti sono gli animali,
quelli che ci amano e che noi amiamo di rimando.

Quando tutti hanno avuto il cibo, si dovrà prendere del pane, e dire:

Come la Ruota dell’Anno continua a girare,
il raccolto è finito, il grano è trebbiato.
Gli animali dormono per l’inverno.
Noi li ringraziamo per i loro doni.

Consumare la vostra cena e se non avete animali sicuramente qualche animale selvatico vi verrà a far visita mentre mangiate poiché tendono ad essere molto consapevoli sul piano spirituale!

Se avanza qualcosa, lasciatelo fuori per gli spiriti ed il pane extra può essere sbriciolato all’esterno per gli animali selvatici e gli uccelli.

null

Un Rituale per Samhain

Decorare l’altare con foglie d’autunno, zucchette, melograni, mele o fiori autunnali come calendule o crisantemi.

Potete portare nell’altare simboli della ruota dell’anno da porre al centro dell’altare a simboleggiare la ruota che riinizia il suo giro.

Nell’altare ponete una candela bianca ed una candela nera e molte altre candele delle tonalità calde, come arancione, marrone giallo eccetera.

Vi serviranno poi:

• Una mela
• Pergamena da ritagliare a forma di mela.
• 2 sagome di mela di pergamena.
• Inchiostro sangue di drago
• stecchini.

Aprite il cerchio in uno stato di semioscurità, accendete solo le candele del cerchio e quelle che rappresentano il Dio e la Dea. Dite qualcosa come:

“Io ti evoco cerchio di Samhain
affinché tu sia il confine
tra la metà oscura e quella luminosa dell’anno.
Possa la benedizione degli Dei avvolgerti per tutta la tua grandezza
affinché io sia protetta e sicura.
Stelle sopra
Terra sotto
Il cerchio è sigillato.”

Chiamate gli elementali spostandovi in senso orario lungo il cerchio dicendo:

“Silfidi dell’est, dal profondo io vi chiamo
portate in questo cerchio la conoscenza che io bramo.
Salamandre del sud, vi chiamo in umiltà
portate in questo cerchio passione e creatività.
Ondine dell’ovest vi chiamo in questo cerchio
portate l’amicizia e l’amore che io cerco.
Gnomi della terra venite in questo luogo
portate stabilità in questo cerchio come dono”

andate di fronte all’altare, ungetevi la fronte con dell’olio e dite:

“Morte porta vita, vita porta morte”.

Invocate le Divinità con parole scritte da voi, l’importante è visualizzare la Dea nel suo aspetto di Anziana ed il Dio nel suo aspetto di cacciatore.

A questo punto accendete la candela bianca che simboleggia la metà luminosa dell’anno appena passata. Pensate a lungo ai vostri errori, ai vostri difetti. Fatto questo scriveteli in una delle due pergamene ritagliate a forma di mela con l’inchiostro Sangue di Drago.
Poi accendete la candela nera, che simboleggia la metà oscura dell’anno in cui si sta per entrare. Meditate a lungo sugli aspetti che volete che evolvano e come, i vostri sogni ed ambizioni.

Scriveteli nell’altra pergamena, poi appoggiate entrambe le pergamene ciascuna su un lato della mela che nel frattempo avete tagliato a metà. Poi chiudete la mela con degli stecchini dicendo qualcosa come:

La ruota dell’anno ha concluso il suo giro
di nuovo volge i suoi raggi alla metà oscura
e nel Reame nascosto delle Ombre ci accingiamo a trovare posto.
Non dobbiamo temere il buio
in esso germogliano i semi di una nuova vita.
(Iniziate ad accendere le candele delle tonalità calde)
Prego gli Dei di riscaldarmi
durante il freddo di questa lunga notte
di aiutarmi a lasciare alle spalle il passato
ed illuminare il mio futuro
nella luce del vostro amore.

Meditate a lungo sulla necessità di lasciarsi alle spalle le cose vecchie, anche se doloroso, come ad esempio un amore finito che ci ostiniamo a voler portare avanti o vizi e dipendenze come fumare o bere.
Potete dedicare un pensiero ai cari che ci hanno lasciato e riflettere sulla necessità di accettare la loro dipartita.
A questo punto potete effettuare piccole operazioni magiche, divinazioni o meditazioni.

Banchetto.

Salutate gli elementali dicendo :

“Nord, gnomi, vi ringrazio e vi saluto
In pace andate,
se volete restate.
Ovest, ondine, vi ringrazio e vi saluto
In pace andate,
se volete restate.
Sud, salamadre, vi ringrazio e vi saluto
In pace andate,
se volete restate.
Est, Sifilidi vi ringrazio e vi saluto
In pace andate,
se volete restate.”

Chiudete il cerchio e infine pulite lo spazio sacro.

Successivamente andate in campagna dove potete stare indisturbati e seppellite la mela dicendo qualcosa come:

“La benedizione delle divinità
ti accompagni,
torna alla terra
Salute e prosperità si diffonda su di me”

Intagliare le zucche

-Zucche di varie dimensioni
– Seghetti
– Cucchiai
– Scotch o spilli

Incidi la sommità della zucca in modo da farci passare la tua mano per poi scavare.
Taglia orizzontalmente la parte inferiore della zucca, senza però bucarla. Questo ti serve per dare equilibrio alla zucca.
Conserva il “tappo” del lato superiore, serve alla fine per chiuderla.
Pulisci l’interno della zucca con un grosso cucchiaio , poi con un seghetto intaglia il viso della zucca.
Incidi sul basso, all’interno della zucca, un tondino grande quanto la candela che vuoi inserire, in modo che questa si incastri perfettamente.
Accendi la candela e chiudi la zucca col “tappo”. Dopo pochi attimi togli il tappo e guarda dove si è formato il tondino nero col fumo della candela: in quel punto farai un buchetto per far uscire il fumo della candela.

Zucche piccole portacandela.
Se trovate piccole zucche svuotatele e, dopo averle fatte seccare per evitare che marciscano ,riempitele di cera e inserite lo stoppino. Una volta asciutta la cera saranno graziosissime decorazioni per l’altare o regali di Sahmain per i vostri amici.

Erbe Di Samhain:
Ghianda e quercia-abbondanza e fertilità
mele -Vita ed immortalità
cedro giallo -usato calmare il dolore
Dittany di Crete- il profumo si dice per aiutare la proiezione astrale
Fumitory- usato per esorcizzare le entità di spirito indesiderate
Nocciola – la saggezza, l’ ispirazione e la poesia, i frutti sono mangiate prima della divinazione.
Mulleina – i vecchi gambi sono stati tuffati nel grasso o nella cera e sono stati usati come torce conosciute come “il foglio dei coni della strega” la polvere è stata utilizzata come sostituto per la polvere del cimitero nei vecchi grimori.
Nightshade – trasportare un rametto di nightshade sulla vostra persona per dimenticare i vecchi amori e per proteggere dalle influenze diaboliche ATTENZIONE!!! questa pianta è altamente tossica quindi non mangiatela!!!
Salvia – mangiare la salvia per diventare immortali sia nella saggezza che durante gli anni. Si usa anche come augurio di attrarre i soldi.
Rapa – è una protezione contro la malvagità o il danno
Assenzio romano – si dice che aumenti l’abilità psichica. Bruciato nei cimiteri, è usato per radunare gli spiriti del morto.
Erbe native americane
Grano- mettetelo sull’altare per rappresentare la madre-grano che benedice e nutre i suoi bambini.
Zucca – i Celti hanno creduto che lo spirito d’una persona risedesse nella testa. Intagliare una Jack-o-lantern e disporre una candela all’interno per onorare gli spiriti dei vostri antenati.

Elisir
Questa ricetta è perfetta fra Samhain e Ostara e aiuta anche quando avete problemi di raffreddore o influenza, magari prima di andare a letto. Ma riscalda anche l’ atmosfera di una fredda serata invernale fra amici!
Arancia
Limone
Rhum
Zucchero di canna
In un pentolino mettete a bollire in una tazzina da caffè d’acqua e 1/2 solo la parte arancione della buccia di mezza arancia(la parte bianca è più amara), due pezzettini del giallo della scorza di limone e una fettina intera di arancia. Aggiungete lo zucchero di canna a piacere e fatelo sciogliere bene (di solito un paio di cucchiaini scarsi, è sempre possibile fare una piccola aggiunta dopo). Lasciate bollire un po’ a fuoco basso. Spegnete e versate il tutto in una tazza. Versate 3/4 della stessa tazzina da caffè di Rhum e bevete molto caldo.
Se lo fate per più persone mettete un po’ meno acqua, cercando di considerare quanta ne evaporerà bollendo (o al limite aggiungete più Rhum, a seconda dei gusti)

Ecco altre formule e riti magici da poter fare in questo periodo dell’anno.

Visto che oramai sta per entrare il periodo più buio dell’anno, prepariamoci a dire addio alla luce solare attraverso un rituale:

” Arrivederci, sole
La terra hai riscaldato
gioia ed allegria i tuoi raggi hanno portato.
Adesso chiudi gli occhi e vai a dormire,
riposa tranquillo nella profondità oscura,
il tuo letto sarà sino alla festività di Yule,
quando la tua luce di nuovo risplenderà.”

Dopo il banchetto sotterrare qualche mela per nutrire simbolicamente i defunti.

Ricordatevi che queste notti del periodo del Samhain sono favorevoli per la divinazione. Rilassatevi, aprite la mente per scrutate il futuro.

– Questa di seguito è preghiera per i defunti da recitare rivolti ad ovest.

“Siate benedetti, spiriti dei defunti,
per la vostra presenza all’interno del nostro cerchio
vi ringraziamo
e in questa notte sacra a voi innalziamo le nostre celebrazioni.
Imploriamo il custode dei defunti
perché abbracci a se tutte le anime
e soprattutto quelle smarrite che vagano da tempo
affinché ritrovino la pace.
A tutte le anime inviamo un affettuoso arrivederci.
Così sia.

– Ecco un altro rito, il Rito dello specchio.

Posa a terra uno specchio rotondo o ovale poi metti sullo specchio due rametti di felce a croce.
Dietro lo specchio metti una candela nera accesa e spegni qualsiasi altra fonte luminosa.
Inginocchiati piegandoti verso lo specchio, finché il riflesso della tua bocca coincida con il centro della croce.
Guardati negli occhi immaginando che le forze del male si allontanino.
Infine chiudi gli occhi, raddrizza il busto, e immagina che le forze del bene vengano verso di te.

Alla fine del rito, si spegne la candela nera.

Ecco un incantesimo da fare nella notte di Halloween, capace di farci avere più fiducia in noi stessi e più fortunati.

Accendere una candela verde.

Mettere delle foglie di salvia in un piattino di terracotta sopra un tavolo, coperto con un panno bianco.
Aggiungere un pizzico di lavanda e un pizzico di sale grosso e ripetete tre volte:

Alla sorgente di ogni potere naturale
io chiedo di illuminarmi
la mia offerta è questa
il mio cuore è puro
Arrivi a me ciò di cui ho bisogno
vada via da me ciò che mi opprime!
Chiedo che questo avvenga a da oggi cosi sia!

Spegnere le candele con due dita e buttate via candela, salvia e sale in acqua corrente.

– Ora vi presento l’Incantesimi per sbarazzarci delle nostre cattive abitudini o dei tratti del nostro carattere da modificare:

Scrivere su di un bigliettino la caratteristica o l’abitudine che vogliamo far scomparire e poi dategli fuoco gettandolo nel calderone, fatto questo recitate:

” Dalla mia vita questo tratto voglio bruciare
in questa sacra notte di Samhain
finalmente se ne è andato
è solo un ricordo del passato”

Come sempre la celebrazione presentata è stata ideata per un gruppo, tuttavia è perfettamente adattabile a una celebrazione solitaria o di coppia. Samhain richiede una celebrazione molto particolare, differente da quella di tutti gli altri sabba a cominciare dall’abbigliamento. Già presso i popoli antichi era usanza, in questo periodo travestirsi, non solo da spiriti ma anche e soprattutto in un modo stravagante finalizzato a sovvertire in quei tre giorni le normali regole della vita sociale.

Ad esempio i druidi, usavano abbigliarsi per Samhain da donne, mentre le sacerdotesse si abbigliavano da uomini. Questi avevano la finalità di ritualizzare e richiamare il raggiungimento dell’androginia, cioè del superamento della sessualità fisica e della divisione per giungere all’armonia interiore ed esteriore perfetta trascendendo, finalmente i comuni limiti umani. Allo stesso modo le persone comuni indossavano abiti da vecchi se erano giovani e da folli se ritenuti saggi, ogni regola sociale era stravolta sia con il costume sia con il comportamento al fine di ribadire che tutto ciò è solo arbitrario e soggetto al mutamento e che ogni cosa contiene il proprio opposto. Il costume non era scelto a caso o banalmente ispirato al mondo delle tenebre e della paura ma aveva un suo significato preciso. Rappresentava le paure, le speranze, le delusioni e i voti di ciascuno dei partecipanti, le sue preghiere e e le sue promesse.

RITUALE

Occorrente:
1 candela nera
1 candela bianca
1 candela gialla
1 candela arancio
1 candela marrone(porpora o rossa)
Un posacenere
1 foglio di carta
1 foglio carta pergamena
2 penne una rossa e una nera
un chilo di sale grosso
1 bicchiere di acqua
1 di vino
1 fetta di pane
Dei dolcetti
Preparatevi facendo un bagno, indossate solo una tunica del colore che preferite, siate struccate e libere/i da qualsiasi ornamento, scalze/i con i capelli sciolti, siate solo donne e uomini liberi da ogni costrizione che non sia il semplice corpo terreno.

Stendete un telo nero o arancio per terra, se avete la possibilità fatelo d’avanti una finestra dove si veda la Luna ,siamo in crescente, quindi non c’è periodo migliore in più è sabato giorno magico per eccelenza, disponete in modo ordinato tutto il materiale (eccetto i due bicchieri con acqua e vino il pane e i dolcetti)
Create il cerchio partendo da Nord con il sale grosso in senso orario, posizionate all’interno del cerchio le candele così, a nord quella nera, a est quella gialla, a sud quella arancio, a ovest quella marrone (porpora o rossa)a questo punto mettete d’avanti alla candela nera una candela bianca.
Poi recitate così:

“Per l’Aria, il Fuoco, L’Acqua e la Terra
All’Est, al Sud, All’Ovest e al Nord
Nei Quattro tre volte comandan le streghe
lungo il Cerchi, Saldi e potenti
Posti sono a protezione, Per tre volte
Intorno al Cerchio, Il potere è girato
E il cerchio ora, Si è formato”
“Sopra e sotto questo cerchio è sigillato”

Ora inginocchiatevi dentro al cerchio, o sedetevi in modo tale da essere quanto più comodi possibili, fermatevi a meditare, pensate agli errori fatti in questo anno, prendete i dolori, le amarezze, le delusioni e con il cuore gonfio da queste emozioni invocate i vostri cari defunti.

Spiriti della notte
udite il mio richiamo!
in questo Cerchio di Luce vi invitiamo
entrate non indugiate
che spiriti di piante, animali siate
o esseri umani che liberi vagate
in questo cerchio entrate
e benedetti siate
il vostro cuore apriteci
le vostre preoccupazioni confidateci
e noi lungo il cammino vi guideremo
che conduce pace, al riposo e al dolce sonno supremo.
spiriti della notte
udite il mio richiamo!
in questo Cerchio di Luce vi invitiamo
entrate non indugiate

Fermatevi ancora un attimo poi prendete il foglio e la penna nera e scrivete tutto quello che volete bruciare nel fuoco purificatore sulla candela posta a nord.
Lasciate bruciare nel posacenere.

Poi recitate;

Di anno in anno di giro in giro, noi siamo state, siamo e saremo,
Stanotte festeggiamo la morte e la rinascita, il tempo dei sogni è dunque giunto.
Impariamo a danzare con le “Ombre “e non contro di loro.

Invocate Pan, il custode della Summerland (Terra d’Estate) ed elargite benedizioni ai defunti dicendo:

Oh potente Pan della Terra d’Estate
degli amati defunti il custode
noi esprimiamo tutto il nostro amore
per quanti proteggi nelle tue tranquille dimore
benediciamo le anime che il sentiero hanno percorso
che un giorno sarà anche il nostro corso
pace alle loro anime vogliamo offrire
mentre tra le tue braccia si vanno ad assopire

Siate benedetti, mirabili Spiriti dei defunti. per la vostra presenza nel cerchio vi ringraziamo e in questa notte sacra vi celebriamo. Ti imploriamo, Pan, custode dei sacri defunti, abbraccia ancora una volta queste anime, e tieni strette al petto quelle che si sono smarrite e vagano. Concedi loro una traversata sicura verso la Terra d’Estate, dove possono riposare serenamente nella tua forza affinché una volta rigenerati, non rinasceranno in perfetto amore. A ciascuno di voi invitiamo un affettuoso arrivederci. Che sia così.

Ora prendete la pergamena la penna rossa e scrivete tutto quello che vi augurate vi accada nel nuovo anno magico, i vostri cari vi sono accanto sentitene il caldo abbraccio, chiedete per voi l’amore, la salute e la pace, in questa notte tutto vi sarà concesso, passate la pergamena sulla candela ad Est della rinascita, lasciate bruciare nel posacenere, chiudete gli occhi ed immaginate l’energia sprigionata come una grande sfera di luce che si espande nell’universo.

Rimanete tutto il tempo che volete in meditazione.

poi chiudete il cerchio dicendo

“Questo cerchio è chiuso ma mai sarà spezzato”

Spegnete le candele partendo sempre da Nord e sempre in senso orario, lasciate accesa solo la candela bianca che andrete a mettere sul davanzale di una finestra, per tutto il tempo che servirà a farla consumare, in questa notte sarà la guida per i defunti, mettete accanto alla candela un bicchiere d’acqua, uno di vino, una fetta di pane e un dolcetto.
Buttate il sale e la cenere in acqua che scorrere.

Prima di cominciare il rito è bene iniziare la vera e propria celebrazione, sederci, rilassarci chiudendo gli occhi e rivolgere un pensiero a coloro che non sono più.

Inviate loro pensieri positivi, quindi siate positivi poiché, anche se non li possiamo vedere li possiamo sempre sentire accanto a noi. Dopo questa onorificenza alle anime accendiamo le candele, l’incenso e creiamo il nostro cerchio.

Invocazione degli elementi:
Aria, Acqua, Terra, Fuoco,
Elementi della Nascita Astrale
Io Vi invoco: Venite a me!
In questo Cerchio,
Appositamente creato
Da attacchi o colpi psichici,
Sono riparato
Io Vi invoco : Venite a me!
Dalle grotte e dal deserto,
Dalle colline e dal mare
Con la bacchetta e il pugnale,
Con la coppa e il pentacolo,
Io vi invoco: Venite a me!
Così voglio e così è!

Recitate il canto di benedizione:
Possano i poteri dell’Uno,
La fonte di tutto il creato,
Onnipresente, onnipotente, eterno;
Possa la Dea,
La Signora della Luna,
Ed il Dio, Cacciatore Cornuto del Sole;
Possano i Poteri
degli Spiriti delle Pietre,
Sovrani dei Regni Elementali;
Possano i poteri delle Stelle sopra e della Terra sotto,
E me che sono con Voi!

Invocate la Dea:
Dea Misericordiosa,
Tu che sei regina degli Dei,
Luce della Notte,
Creatrice di tutte le cose selvagge e libere;
Madre delle donne e degli uomini;
Amante del Dio Cornuto e protettrice di tutti i Wiccan:
Discendi, Ti Prego!
Con il tuo raggio di Potere Lunare
Qui nel mio Cerchio!

Invocate il Dio:
Dio Luminoso
Tu che sei Re degli Dei,
Signore del Sole,
Sovrano di tutte le cose selvagge e libere
Padre delle donne e degli uomini;
Amante della Dea della Luna e protettore di tutti i Wiccan:
Discendi, Ti Prego! Con il tuo raggio di Potere Solare
Qui nel mio Cerchio!

Sollevate il melograno e con il coltello forate la scorza del frutto, prendete semi e metteteli sul piatto con il simbolo della ruota. Di seguito sollevate la bacchetta e dite:

In questa notte di Samhain,
Ricordo il Tuo passaggio,
Oh Re Sole, attraverso il tramonto
Verso la Terra della Giovinezza.
Ricordo anche il passaggio
Di tutti quelli che se ne sono andati in passato,
E di quelli che se ne andrannoin futuro.
O Dolce Dea, Madre Eterna,
Tu che fai rinascere chi è ora caduto,
Insegnami a scoprire
Che nel tempo dell’oscurità più profonda,
C’è la Luce più splendente.

Dovrete assaggiare i semi del melograno masticandoli lentamente, guardare il piattino con la ruota dell’anno. Se avete il calderone accendete il fuoco altrimenti una candela che lo rappresenti, bruciare il foglietto dove avrete scritto ciò di cui vi vorrete liberare per il nuovo anno.

Prendere il biglietto e tenerlo fra le vostre mani e osservate la fiamma della candela dicendo :

Saggia Signora della Luna Calante,
Dea della Notte Stellata,
Io accendo questo fuoco nel Tuo calderone
Per trasformare ciò che mi tormenta.
Possa il suo potere invertire le energie:
Dall’oscurità, la luce!
Dal male, il bene!
Dalla morte, la nascita!

Bruciate il foglietto nella fiamma della candela nel calderone e se possedete il calderone lo lascerete cadere al suo interno e bruciare, altrimenti lo accenderete nella fiamma della candela e lo farete bruciare sopra un contenitore che resista al calore. Mentre brucia siete consapevoli che ciò che vi fa star male a poco a poco diminuisce, svanisce.

A questo punto se lo desiderate potrete compiere lavori di magia. Dopo si praticherà la fase conclusiva.

Dopo la celebrazione del rito celebrate il Piccolo Banchetto

Sollevate al cielo la coppa con del vino all’interno o un altro liquido con entrambe le mani e dite:
Oh Dea dell’abbondanza e di misericordia
Benedici questo vino ed infondilo del tuo amore.
In vostro nome,
Dea Madre e Dio Padre,
Io benedico questo vino!

Sollevate al cielo un piatto di dolci con entrambe le mani:
Oh potente Dio del raccolto,
Benedici questi dolci ed infondili del tuo amore.
In vostro nome,
Dea madre e Dio Padre,
Io benedico questi dolci (o questo pane)!

Adesso potete congedare il vostro cerchio :
Addio spirito del Nord,
Io ti ringrazio per essere stato qui presente. Ritorna a potere.
Addio spirito dell’Est,
Io ti ringrazio per essere stato qui presente. Ritorna a potere.
Addio spirito del Sud,
Io ti ringrazio per essere stato qui presente. Ritorna a potere.
Addio spirito dell’Ovest,
Io ti ringrazio per essere stato qui presente. Ritorna a potere.

Cancellate il cerchio.

Come sempre la celebrazione presentata è stata ideata per un gruppo, tuttavia è perfettamente adattabile a una celebrazione solitaria o di coppia. Samhain richiede una celebrazione molto particolare, differente da quella di tutti gli altri sabba a cominciare dall’abbigliamento. Già presso i popoli antichi era usanza, in questo periodo travestirsi, non solo da spiriti ma anche e soprattutto in un modo stravagante finalizzato a sovvertire in quei tre giorni le normali regole della vita sociale.
Samhain è un momento importantissimo e la sua celebrazione è carica di simbolismo e tensione. Per la sua celebrazione vi occorreranno:

– Una pira, un grande cero, oppure un braciere: il fuoco svolge un ruolo molto importante. Anticamente per la sera di Samuin (antico nome della festa in Irlanda) tutti i focolari erano spenti e ripuliti, quindi preparati con le fascine per essere accesi la notte con il fuoco sacro del grande falò centrale. Il fuoco nel focolare, infatti, rappresentava l’abbondanza, il benessere, la sicurezza e la salute. Infatti, un tempo, i cibi erano cotti sul fuoco del camino che era anche, l’unica fonte di calore della casa.

– Del vischio o del muschio quercino: Il vischio è, come si sa, un simbolo solare molto importante. Qualche foglia di vischio essiccato servirà per evocare la presenza del sole che darà al fuoco il suo potere rendendolo sacro. Questo ha il valore simbolico di conservare la Luce nelle nostre case e nei nostri cuori anche durante l’inverno.
.– Una candela rossa, nera o bianca per partecipante: questi sono i tre colori di Samhain. L’energia giamos, nella quale Samhain c’introduce, è propizia alla meditazione, l’introspezione e la scoperta di se stessi. Coloro che intendono esplorare e portare nel mondo gli aspetti più razionali, coscienti ed espansivi dell’«energia Samos» parteciperanno al rito con una candela bianca. Tutti coloro che, invece, si sentono più vicini all’«energia Oscura» e che s’impegnano a portare nel mondo i misteri e la magia dell’ energia «Giamos», recherà in mano una candela nera. Infine, coloro che desiderano trarre energia dalla tensione esistente fra i due poli Samos e Giamos sceglieranno una candela rossa.

– Un pezzo di pergamena a testa e una penna: Quali sono i frutti che abbiamo raccolto? Cosa vogliamo seminare? Prima di recarvi alla riunione fate un bilancio del vostro anno, sul bigliettino di pergamena scrivete un desiderio, una parola o un emblema che simboleggi i rami che volete tagliare e i semi che volte spargere in voi stessi, per tornare rigenerati in primavera.

– Una bacinella, dell’acqua e delle mele per il famoso gioco del «bobbing for apple» – «la caccia alle mele».

Un area riservata al banchetto rituale.
Ricordate che anche i defunti o compagnia silenziosa saranno ospiti del convitto. Se siete in numero sufficiente il banchetto può essere precedentemente preparato da nove donne del gruppo come vuole la tradizione Irlandese, per il menu potete attingere alla tradizione Italiana la quale vanta una gran moltissimi piatti rituali per la festa di Ognissanti. Per rendere scorrevole la cerimonia preparate l’ area del banchetto prima di iniziare, ponendo già a tavola tutte le portate o almeno quelle che saranno consumate per prime.

Se siete un gruppo formate un cerchio attorno al fuoco centrale, ciascuno tenga in mano una candela del colore corrispondete ai suoi voti per l’anno che viene. Dopo che il Druido o la sacerdotessa del gruppo avranno benedetto l’ area rituale e l’avranno purificata con un incenso preparato per l&rasquo;, una delle donne del gruppo accenderà il fuoco rituale recitando la formula magica che un tempo le donne irlandesi recitavano tutte le mattine mentre accendevano o ravvivano il fuoco del camino:
Beannachadh Beothachaid (Gaelico)

Togaidh mi mo theine an diugh,
An lathair ainghlean naomha neimh,
An lathair Airil is ailde cruth,
An lathair Uiril nan uile sgeimh,
Gun ghnu, gun tnu, gun fharmad.
Gun ghiomh, gun gheimh, roimh neach fo’n girein,
Ach Naomh Mhac De da m’thearmad.
Gun ghnu, gun tnu, gun fharmad.
Gun ghiomh, gun gheimh, roimh neach fo’n girein,
Ach Naomh Mhac De da m’thearmad.

Dhe fadaidh fein na m’ chridhe steach,
Aingheal ghraidh do m’ choimhearsnach,
Do m’ namh, do m’ dhamh, do m’ chairde,
Do ’nt – saoidh, do ’n daoidh, do ’n traille.
A Mhic na Moire min-ghile,
Bo ’n ni is isde crannchaire,
Go ruig an t – Ainm is airde.
A Mhic na Moire min-ghile,
Bo ’n ni is isde crannchaire,
Go ruig an t – Ainm is airde.

Benedizione sul fuoco che divampa al mattino (Italiano)

Ravviverò il mio fuoco stamattina
Alla presenza dei santi angeli del Cielo,
Alla presenza di Ariel, splendido giovane,
Alla presenza di Uriel dei mille incanti,
Senza invidia, senza malizia, senza rancore,
Senza paura, senza tremare alla luce del sole,
Perché il Santo Figlio di Dio mi protegge.
Senza invidia, senza malizia, senza rancore,
Senza paura, senza tremare alla luce del sole,
Perché il Santo Figlio di Dio mi protegge.

E tu, Dio, ravviva nel mio cuore,
Una fiamma d’amore per il mio vicino,
Per l’amico ed il nemico, per tutti i miei congiunti,
Per l’audace e il timoroso, per il povero ed il servo,
O Figlio della dolcissima Maria,
Dalla più misera cosa sulla terra,
A quel Nome che più di tutti in alto sta.
O Figlio della dolcissima Maria,
Dalla più misera cosa sulla terra,
A quel Nome che più di tutti in alto sta.

A questo punto, ognuno si avvicina al fuoco centrale, accende la propria candela e lancia nel fuoco il biglietto con il desiderio scritto sopra. Le fiamme porteranno la preghiera fino agli Dèi e saranno messe in moto le energie che durante l’anno ci porteranno a realizzare le nostre aspirazioni. Tornati a casa, riaccenderemo il fuoco del nostro altare a partire dalla candela usata durante la cerimonia recitando «La benedizione sul fuoco che divampa».

Ora che il nostro animo è pronto ad accogliere le anime dell’Al-di-là possiamo recarci al banchetto sacro.
Ispirandoci a una tradizione albanese e di alcune regioni italiane nelle quali è usanza, la notte del 2 Novembre, banchettare al cimitero per rallegrare i morti ci rechiamo con le nostra candele in mano verso l’area allestita per il banchetto come faranno i morti fra breve, sfiliamo intorno al tavolo facendo dei giri concentrici in senso orario formando così una spirale d’energia della quale la mensa è il centro. Volendo è possibile agevolare la percezione della loro presenza al banchetto ponendo le foto degli estinti sul tavolo. Mettiamo le candele nei portacandela, a tavola, prendiamo sediamoci in silenzio, la Sacerdotessa invita la Compagnia Silenziosa ad entrare e prendere posto accanto a noi. Ora tutto è silenzio, la compagnia entra, sfila lentamente intorno al tavolo, avvertiamo la presenza degli spiriti accanto noi.

&
Anticamente, ogni Samhain i bardi
si riunivano su una collina dove si
sfidavano allo scopo di confrontare,
mostrare e condividere la propria
bravura e preparazione. Ascoltiamo quello che hanno da dirci, accogliamo il messaggio che proviene dalla profondità della Terra, prestiamo orecchio ai messaggeri della Dea: l’unica che possa elargire il rinnovamento. Non c’è un tempo stabilito per il colloquio con gli spirito, può durare un minuto o un quarto d’ora, avviene nel silenzio e nell’immobilità a un certo punto il corpo cambia posizione, il respiro riprende il suo solito ritmo è segno che il colloquio è finito, ora è il tempo della festa, i morti, dicono in alcune regioni, hanno bisogno di divertirsi, è Samhain, il tempo della follia. Balliamo con gli spiriti, facciamo ridere i morti per i quali abbiamo pianto. Non li abbiamo mai perduti, non li abbiamo mai avuti. La vita e la morte sono solo i due estremi di un altalena che dal 31 e fino al 2 Novembre, per tre straordinari giorni è in perfetto equilibrio!

Fai da te :
Corda della strega

Le corde della strega che si fanno a Samhain sono un’espressione di quello che si vuole o si spera per il nuovo anno. Prendete tre nastri di raso o di lana di tre diversi colori abbastanza lunghi. Scegliete tre colori che rappresentino i vostri desideri (rosso amore, verde denaro ecc.) Fate un nodino sopra ed tre sotto tra le tre cordine. Potete aggiungere ciò che volete alle corde – piume, pietre, erbe, piccoli gingilli ecc.

Incenso
Pestare nel mortaio 4 parti di legno di tasso, aggiungere 1 parte di legno di cannella, 1 parte di aghi di pino e impastare tutto con 10 gocce di olio essenziale di tuia. Arroventare un carboncino tenendolo a contatto con la fiamma di una candela; porlo quindi nel vostro contenitore, o in un piattino, e unirvi un pò dell’incenso creato… lasciar diffondere nell’aria le sue magiche vibrazioni.
La base per tutti gli incensi è la segatura e trucioli di legno.

Olio di Samhain
10 gocce arancio
5 gocce bergamotto
5 gocce di cannella

Olio per festeggiare Samhain che vi aiuterà anche a strappare un bel sorriso.

Zucchette portacandele
zucchette
Paraffina
Stoppini cerati
oli essenziali a scelta se si vogliono

Tagliate la calotta superiore delle zucchette e svuotatele con cura da tutta la polpa. Deve rimanere solo la parte dura per evitare marciumi e per farle seccare in breve tempo. Lasciatele seccare all’aria per alcuni giorni. A questo punto potete cominciare la creazione delle candele vere e proprie: fate fondere a bagnomaria la paraffina
aggiungete le essenze e mescolate accuratamente.
Versate la cera nella zucchetta lasciando un centimetro e 1/2 di bordo e lasciate raffreddare.
Inserite lo stoppino quando la candela è ancora molliccia e versate ancora un pò di cera liquida (max 1/2 cm di spessore) per livellare la superfici ed inglobare perfettamente lo stoppino.

Fare una scopa
Scegliete un legno come manico che abbia proprietà protettive ( frassino, betulla, sambuco, sanguinella ).

Dopo che avete il vostro legno, scegliete la lunghezza del manico che meglio può esservi utile.
Quindi prendete della paglia, che è semplice da trovare e attrae le fate. La paglia può essere dipinta ( usando tinture di erbe ). Se decidete di non dipingerla, bagnatela, e sarà più semplice da usare.

Per rendere la scopa ” magica ” la tradizione vuole che sia chiusa con qualche ramo di salice. Prima di tagliare la paglia, raccoglietela così che le terminazioni siano uguali e che siano ugualmente distribuite intorno al manico.
Potete ovviamente aggiungere particolari privati, come incisioni o mettere dei rametti di lavanda come chiusura.

Albero di Samhain
Ci sono molte cose diverse che potete fare con un albero di Samhain. Potete iniziare a decorare il vostro albero con delle piccole immagini di streghe e gatti neri. Se non trovate nessun ornamento come questo, potete scaricarne dalla rete e ritagliarle dopo averle stampate. Fate dei piccoli bucherelli nella parte superiore e appendetele su rami diversi con nastrini neri e arancioni.

Invece di usare nastri, ghirlande e luci, classiche di natale, prendete delle finte ragnatele. Coprite l’intero alberello. Ricordate, + stirate la ragnatela, + realistica sembrerà. Attaccate piccoli ragnetti di plastica nella rete.

I piccoli fantasmini di carta o di stoffa che si facevano da bambini, sono bellissimi sull’albero. Prendete due pezzetti di stoffa bianca per ogni fantasmino. Il primo pezzo lasciatelo steso. Arrotolate il secondo in una pallina stretta e mettetelo al centro del primo. Dolcemente stringete il primo pezzo intorno alla pallina. Legate la testa quindi con un piccolo nastrino nero. Con un pennarello nero disegnate la faccina.
Quindi apprendeteli ai rami.

Per un interessante e unico puntiglio in cima all’albero, trovate in giro degli splendidi cappelli da strega di stoffa a pochi euro.
Effetto garantito!

Zucche di cartapesta
carta di giornale
vinavil
pennello
tempere
nastro adesivo o spillatrice
acqua

Preparate un recipiente con mezzolitro d’acqua e 3 cucchiai di vinavil.Fate una palla con alcuni fogli di carta di giornale, poi fate una serie di serpentoni, sempre con la carta di giornale.
Prendete questi salsicciotti e attaccateli uno ad uno intorno alla palla centrale , fissando le estremità con nastro adesivo o spillatrice fatelo in modo irregolare visto che saranno gli “spicchi” di zucca.
una volta fatta la struttura cominciate a tagliare strisce di giornale(con le mani) immergetele nell’acqua collosa e appiccicatele intorno alla vostra zucca, poi spennellateci sopra un po’ di vinavil e andate avanti fino a rivestirla tutta più volte.
Questo metodo vi da la possibilità di aggiustare in corsa ciò che non vi piace, aggiungendo più carta qui, un po’ meno li e cosi via.
Lasciate asciugare il tutto almeno 2 giorni e per sicurezza mettetelo in forno mezz’ora al minimo.
Dipingete di arancione la vostra zucca, aggiungeteci porporina se volete, e con un pennarello nero disegnategli la faccia.

Ghirlanda di Samhain
filo di ferro
rafia(una buona quantità)
nastro arancione(di stoffa o carta crespa come preferite)
pipistrelli di cartoncino(o altre decorazioni a vostro piacere, cappelli di strega ragni zucche )

Fate un cerchio con il filo di ferro, chiudetelo all’estremità attorcigliandolo su se stesso e lasciando un occhiello per appenderlo. Partendo dalla chiusura cominciate ad avvolgerci la rafia in modo “vaporoso” e non troppo ordinato, fate il giro completo lasciando uscire ogni tanto qualche filo di rafia lungo e arricciato.
Adesso partendo sempre dalla chiusura di fil di ferro attorcigliate in modo molto morbido e in senso diagonale, il nastro arancione, lasciate che fra un pezzo e l’altro si intraveda bene la rafia.
a questo punto coprite il filo di ferro con un pipistrello di cartoncino(colla chiaramente)
e attaccatene qualche altro qua e la.
pronto per essere appeso fuori la porta Smile

Attività per Samhain
Andate a raccogliere mele.
Bevete sidro di mele caldo e speziato con cannella per onorare i morti.
Sotterrate una mela o un melograno nel giardino come cibo per gli spiriti che passano di lì nella loro strada verso la rinascita.
Imparate a fare e ad usare le rune, sono molto semplici da fare : in pasta di sale, col das, scritte sul legno, su ciottoli.
Guardate con gli amici il Rocky Horror Picture Show.
Fate delle zucche animate.
Fate una candela per gli spiriti ( E’ una candela bianca su cui avrete fatto cadere qualche goccia di olio di patchouli).
Mettete tre scodelle sul tavolo. In una mettete acqua, in una vino e una con terra. Bendate gli occhi ad un amico e fategli immergere le dita in una delle tre scodelle. L’acqua è successo, il vino è matrimonio e la terra è il lavoro. Avrete un piccolo responso.

null

Adottate una nuova bacchetta. Selezionate un albero e sceglietela tra i rami caduti.
Regalate delle caramelle a dei bimbi che conoscete.
Fate una festa dei morti.
Leggete le carte ad alcuni amici.
Cercate tutti i ragnetti nei paraggi il giorno di Samhain e salutateli. Chiedetegli di dare ai vostri sogni la resistenza della loro tela.
Prima di andare a dormire, sedete di fronte a uno specchio in una stanza illuminata solo dalla luna o da una candela. Fate una domanda. Quindi tagliate una mela in nove pezzi. Mettetevi di schiena allo specchio. Mangiate 8 pezzi e il nono buttatelo dietro alla spalla sinistra. Quindi girate la testa sempre a sinistra e guardate nello specchio. Vedrete un’immagine o simbolo che sarà un responso.
Indossate un vestito che rifletta ciò che volete si manifesti nell’anno nuovo.
Buttate delle noci nel fuoco, se brucia senza problemi un vostro desiderio si avvererà.
Usatela come occasione, se non l’avete ancora fatto, per parlare di ciò in cui credete, senza paura o remore.
Giocate a nascondino.
Fate delle pietre dei sogni, accompagnate da una preghiera di visione onirica.
Fate una riflessione personale sulla vita, sulla morte e la rinascita.
Appendere delle mele e la prima persona che ne morde una sarà la prima a sposarsi.
Aprite la porta di casa vostra e lasciatela aperta per cinque minuti, permettendo agli spiriti di Samhain di simbolicamente entrare.
Osservate le fiamme delle candele da voi accese. Se una diventa leggermente azzurina, forse un caro estinto è nei paraggi.
Fate dolcetto o scherzetto ai vostri amici e stupiteli.
Raccogliete noci con le mani se ne prendete dispari il vostro amore è infedele, se è pari vi è fedele.
Si dice che se dormite sotto un albero di biancospino a Samhain, le fate verranno a rapirvi.
Andate a caccia di funghi!
Fate una corda di strega.
Regalate ad un amico un piccolo regalo da sabbat.
Fate una festa di capodanno.
Andate vicino ad una quercia e bussate tre volte sulla corteccia.
Fate una maschera.
Fate una meditazione sulla vita passata. Avrete spunti speciali questa notte.
Lasciate del latte e miele per gli spiriti della foresta.
Bruciate dell’artemisia.
Comprate una tovaglia arancione e dei fazzolettini neri.
Raccogliete delle erbe invernali e seccatele per le vostre dispense.
Fate un ghost tour.
Suonate una campanella alla mezzanotte del 30.
Prendete la foto di una persona che ormai non c’è più e ricordate il passato che vi faceva star bene.
Scegliete e incoronate una Regina dell’Inverno e un Re, le controparti di Beltane.
Imparate una nuova forma di divinazione, come le rune o la sfera o ancora la divinazione allo specchio.
Sedetevi in cerchio e raccontatevi storie spaventose, di paura.
Fate della divinazione, con qualsiasi strumento sentite appropriato.
Raccontate la storia di Demetra e Persefone.
Tagliate una mela sull’altare mostrando la stella e dite ” Questo è il frutto della vita, quindi della morte “.

Trovate un ramo di quercia, vischio, nocciolo, elmo, salice o betulla.
Guardate le foto dei parenti e antenati.
Raccontate le storie di ognuno.
Fate delle facce nelle mele.
Fate delle catene di mele, ottenute tagliando la carta, mettendo su ogni mela, il nome di una persona a voi cara ormai andata.
Fate una scopa.
Legate un cordino come espressione di ciò che sperate che si manifesterà nell’anno che verrà.
Lasciate che questo sia il tempo tradizionale per fare candele per l’anno nuovo, riempiendole di colore, potenza, erbe e profumo a seconda della necessità e dello scopo.
Mettete dei melograni in bella vista, in una bella cesta.
Fate un bilancio della vostra vita, scrivete su un foglio ciò che vorreste andasse via e bruciatelo su una candela dell’altare.
L’incenso di Samhain e’ una mistura di alloro, noce moscata e salvia.
Si svuotano le zucche per farne delle lanterne e si dispongono a segnare i punti cardinali, con all’interno ( o in prossimità ) una candela del colore appropriato all’elemento corrispondente.
Mettere, in segno di accoglienza per gli spiriti, delle lanterne fuori dall’uscio per indicare loro la via o imbandire la tavola con un posto in più da lasciare per tutta la notte, nel caso che tornino a farci visita.

null

Incantesimo per sbarazzarci delle nostre abitudini indesiderate o dei tratti del nostro carattere che vogliamo modificare:
Scrivete la caratteristica o l’abitudine che vogliamo far “scomparire” su un biglietto con la specifica richiesta di volervi liberare di questo lato del vostro carattere e poi dategli fuoco gettandolo nel calderone

Sta iniziando il periodo più buio dell’anno, quindi diciamo addio al sole augurandogli buon riposo, sino a che non rinascerà a Yule.

Queste notti sono favorevoli per la divinazione. Aprite la vostra mente e utilizzate il mezzo a voi più favorevole per scrutare il futuro.

Il piatto tipico Irlandese di questa ricorrenza è fatto con purè di patate, cavolo tritato e cipolla, servito caldo con molto burro. Solitamente al suo interno si nasconde una moneta ed il fortunato che la trova, nella sua fetta, la può tenere e gli annuncia prosperità per l’anno che deve iniziare.
Attenti a non ingoiarla o l’auspicio sarà . . poco gradevole.

null

GIOCHI
Ovviamente da qui in poi tutto è lasciato alla fantasia, l’ immaginazione. Come si sa questa è anche la notte dedicata alla divinazione che è spesso inserita nei giochi. Ad esempio, si usa mettere un anello o un altro oggetto nei piatti durante la loro preparazione, colui o colei che troverà l’oggetto nel suo boccone si sposerà entro l’anno oppure vedrà realizzato un suo desiderio. Un altro modo è partecipare alla famosa «caccia alle mele» chi coglierà la prima mela sarà fortunato durante tutto l’ anno. Anticamente, quando da un buon matrimonio dipendevano molte cose, si diceva anche che, per sognare il futuro sposo si doveva dormire con la mela pescata a Samhain sotto il cuscino.
In ogni caso il gioco di «bobbing for apple» è molto semplice ed è l’ per scaldare l’atmosfera, ecco le sue regole.
Si pongono diverse mele in un catino pieno d’acqua, coppie di giocatori dovranno catturare le mele avendo le mani legate dietro la schiena entro un tempo stabilito.

I commenti sono chiusi.