ARANCE DI BUON AUGURIO DAL SOLSTIZIO AL NUOVO ANNO.

 

null

Come spiegato nei post precedenti, i simboli del Solstizio d’Inverno sono di origine orientale. Fra questi ci sono le arance porta fortuna tradizionali. L’albero stesso è originario dell’Asia.

Il nome arancio deriva dal latino ‘pomo aureo’ (frutto dorato) ed anche in cinese ed altre lingue, il suo nome, è associato a questo colore o metallo e alla parola benessere.

L’arancio, infatti, simboleggia nella sua forma il Sole e l’elemento alchemico Oro, inoltre matura proprio nel periodo del solstizio esattamente come il nuovo sole.
Quando gli arabi introdussero l’arancio in Europa, le tradizioni orientali si fusero con quelle europee. Divenne l’emblema dell’oro donato da S. Nicola (Babbo Natale) oltre che del Sole nuovo. Donare delle esotiche, profumate e succose arance nel cuore dell’inverno era un assaggio di primavera, oltre ad indice di benessere visto che si trattava di merce esotica.

L’arancio è anche all’origine delle palle dorate dell’albero di natale. Questo albero presenta una caratteristica unica: fruttifica e fiorisce nello stesso tempo. Secondo alcune leggende è proprio l’arancio un Albero della Vita, le mitiche mele dorate dell’immortalità (il sole che non muore, ma rinasce).

Oggi nel nostro paese la tradizione di regalare le arance si è un po’ persa perché ricorda periodi poveri. In altri paesi sia orientali che occidentali, invece, la tradizione è ancora viva.

In Cina si usa decorare la casa con cesti di arance ponendoli nelle stanze principali o sulla porta di ingresso per invitare la prosperità e la salute (doni del sole). In alcuni paesi europei si pone un’arancia assieme a delle monete dorate nella calza di natale o della befana. Sia in Asia che in occidente, scambiare e donare arance e un buon augurio di benessere per il nuovo anno.

L’arancio si sposa bene con altre erbe della prosperità: cannella, chiodi di garofano, alloro.
— Jule

Precedente "21/23/25 dicembre - Solstizio di inverno, Yule, Sol Invictus Successivo Asineth